lunedì 23 gennaio 2017

Come ritrovare i calzini spaiati o l'amore


Questo weekend l'ho passato tutto a fissare calzini bellissimi nella loro solitudine e inutilità. È un problema conclamato: non riesco a far stare insieme due calze nuove per più di 10 giorni. Sto cercando dei perché, come Dana Scully e Fox Mulder in X-Files.

Ho voluto trasformare questa riflessione totalmente inutile in una cosa semi-seria e per questo ho interpellato l'unica persona che conosco la quale non ha mai perso nemmeno un calzino nella sua vita: mia madre. Le ho chiesto «Perché?»

«Perché sei un pasticcione, Ale».

Potremmo chiudere tutto e tornare a casa già così. E invece no.

lunedì 16 gennaio 2017

10 cose che odio di chi usa Instagram




È forse il periodo storico nel quale sono più motivato su Instagram! Non so se esserne felice o magari farmi una vita come tutti gli altri. Da quando sono arrivate le Instagram Stories, sono successe due cose: ho mollato Snapchat (ricordate quando tutti sfottevamo Instagram per aver copiato spudoratamente il fantasmino? Ecco) e ho iniziato a seguire con più attenzione alcuni profili per me interessanti, "abbonandomi" ai loro aggiornamenti quotidiani.

Oggi posto molte più foto rispetto al passato, non ho guadagnato molti follower perché nessuno ha trovato ancora un preciso motivo per seguirmi (forse non c'è e non ci sarà) ma in compenso ho conosciuto meglio tante  persone, aumentando con loro conversazione e scambi, chiedendo consigli e facendomi aiutare se ho delle difficoltà. Insomma, ho fatto rete.

Da amante dei social network, ho iniziato a riflettere su quali cose di questo micro-cosmo mi piacciono e quali meno. Oggi vi spiego quali sono le cose che mi piacciono meno. Non è hating rivolto a specifiche persone (un po' sì) ma è anche auto-analisi. Dirò tante volte "Odio": ovviamente è tanto per dire. Non odio nessuno, anche se c'è chi prova strenuamente per raggiungere l'obbiettivo.

lunedì 9 gennaio 2017

40 Buoni propositi nel 2017 adatti proprio a tutti




L'inizio del 2017 per molti è il 9 gennaio grazie a un fortunato weekend che nemmeno un assenteista della pubblica amministrazione avrebbe pensato così furbamente. Da qui iniziano i nuovi propositi, quell'elenco di cose che di norma non rispetteremo e che diventeranno fonte di frustrazione e malessere. Un malessere che cercheremo di nascondere rimandando a domani, dopodomani, al prossimo mese, al prossimo millennio piuttosto che rispettare la parola data a noi stessi. 

Per questo anche io volevo la personale lista di buoni propositi. Poi ho pensato che iniziare l'anno già così autoreferenziale fa molto 2016 e ho scritto una lista di buoni propositi adatta proprio a tutti, anche a te che mi stai leggendo e non ci conosciamo. Ci riuscirò? Molto probabilmente no, ma se in almeno una di questa intenzioni ti ritroverai, capirai che in fondo, sotto sotto, non siamo così diversi.