giovedì 2 gennaio 2014

Auguri (non molto) generici - Edizione 2014

La visuale del mio Capodanno 


Tornano anche quest'anno i miei auguri di buon anno (non molto) generici. Ci sono praticamente tutti i miei amici su Facebook (e a qualcuno di Twitter), almeno tutti quelli a cui ho voluto dire qualcosa. Spero che ognuno si ritrovi in almeno una delle mie dediche, perché era questa la mia intenzione.

Auguri a te che hai sfidato con grande insistenza le mie difese. E oggi siamo amici e voglio sapere sempre se stai bene e se mi vuoi bene.
Auguri a te, una delle poche (una, due, tre al massimo) persone che su cui posso contare davvero nella mia vita ogni volta che ne ho bisogno. Ci sei, senza condizioni.
Auguri a te, nuovo amico che ogni tanto sei un po' appiccicoso (eh dai, questa te la devo dire) ma che a tuo modo in più occasioni mi hai fatto sentire speciale.
Auguri a te, persona che temo e per cui provo stima, affetto ma anche un forte senso di inquietudine. Vorrei conoscere meglio la persona e meno il nickname.
Auguri a te che mi hai fatto capire quanto prendersi poco sul serio sia l'unico modo per vivere una vita serena, felice, divertente. Hai molto da insegnarmi.
Auguri a te che sei un po' troppo "svolazzante" ma la tua simpatia e il tuo modo di essere così vero e autentico mi hanno conquistato.
Auguri a te che hai mostrato al mondo quanto il culto della barba possa raggiungere il suo estremo più vanitoso.
Auguri a te amico delle figurine che ogni tanto penso che abbiamo rovinato un po' tutto ed è davvero un peccato non avere più "la nostra serata".
Auguri anche a voi due, che vi faccio lo stesso identico discorso fatto qua sopra e ancora sono triste al solo pensiero. Spero di rivedervi presto.
Auguri a te, che quella sera ho trattato malissimo e non credo me lo perdonerò mai anche se tu sei gentile e vabbeh, grazie.
Auguri a te, ragazzo un po' folle e molto bambino (nonostante l'età anagrafica), spero di avere modo di capire presto chi sei veramente.
Auguri a te, che sei partito, che stai facendo la tua nuova vita fuori dall'Italia e vedo che sei felice, più libero, sono contento per te.
Auguri a te, nuovo amico di consulenze sul rap. Forse non lo sai ma il tuo modo di essere lo osservo sempre con interesse, curiosità, grazie.
Auguri a te e mi auguro che almeno tu possa non essere uno di quelli che nella vita aspetta aspetta e non combina niente in questa Italia che non offre più opportunità. Le meriti, invece.
Auguri a te, collega impaziente e frettoloso, ho imparato a conoscerti meglio quest'anno e anche se non te l'ho detto, provo molto affetto per te.
Auguri a te, soprattutto per quel tatuaggio.
Auguri a te, quest'anno ci siamo scornati parecchio ma ormai mi sento come un padre per te come tu per molte cose sei un padre per me. E spesso ci si scontra, ci si aiuta in modo un po' brusco. Cercherò di seguirti un po' di più, fai lo stesso con me se riesci.
Auguri a te, amico. Vorrei non sparissi ogni tanto dalla mia vita. Ti vorrei sentire ogni giorno, averti vicino. Vorrei che ci impegnassimo a essere più amici. Perché ti voglio bene e mi fai stare bene.
Auguri a te, ragazzo dei videogiochi che un giorno spero si libererà dei suoi mostri. Dietro la superficie c'è un mondo bellissimo, secondo me. E togliti quelle lenti a contatto colorate, per favore.
Auguri a te, amore mio.
Auguri a te. Un bacio per ogni mia mancanza, per ogni mia assenza, per ogni mia risposta arrivata in ritardo, per ogni volta che non posso essere più come vorresti. Ti voglio bene da impazzire. Facciamo qualcosa per non lasciarci.
Auguri a te collega pazzerella. Quest'anno non siamo solo più colleghi, ma siamo amici. Ho imparato a capirti, sono cresciuto io e ora so di potermi fidare di te.
Auguri a te, abbiamo un sushi in sospeso e smettila di girare il mondo. Il sushi è più importante, il sushi aspettattè.
Auguri a te, unico collega in cui ho letto negli occhi il fuoco della passione che animava me alla tua età. Meriti molto più di quello che hai adesso.
Auguri a te. Sei sfuggente, mi contatti ogni sei mesi. A volte non vorrei nemmeno salutarti più per strada. Non è questo il modo in cui io intendo i rapporti. O forse non riesco ad accettare che sia un'amicizia a senso unico.
Auguri a te, amica che da sempre ha creduto in me, al mio lavoro e mi ha sostenuto con un affetto materno che forse non lo sai, ma è stato davvero importante per me. Io a volte sorrido anche se sto un po' male.
Auguri a te, non ho niente da dirti. Non vali niente. Sei solo facciata.
Auguri a te, collega e compagna di pranzi. Mi piace un sacco ascoltare i tuoi racconti. Ho seguito in silenzio il tuo cambiamento fisico e vedo che ti senti bella e la cosa mi riempie di gioia.
Auguri a te, abbiamo un pranzo cucinato da te in sospeso quindi sbrigati a venire a Torino che le tue leccornie viste solo in foto sono una tortura.
Auguri a te, conserva la tua purezza da "provincialotto". Sei uno dei pochi che conosco a Milano che non ha perso se stesso. Tienilo stretto.
Auguri a te che hai "sposato" l'uomo migliore che potessi sposare nella tua vita. Hai avuto molta fortuna. E grazie per quel weekend insieme, hai un cuore speciale.
Auguri a te, che mi fai innervosire ma non te lo dico mai. Devi lavorare su te stesso o non combinerai niente nella vita. Ci sono un sacco di cose nella vita che accadono solo se si diventa adulti. Provaci.
Auguri a te, che ogni volta che ti vedo mi viene da dentro un misto di tenerezza, affetto e anche dispiacere perché si è lontani e ci si può vedere poco.
Auguri a te. Hai talento e sembri una bella persona, non sprecare la tua vita dietro le persone sbagliate. Fai attenzione.
Auguri a te. Una persona che non potrò mai finire di ringraziare. Perché mi hai fatto crescere tanto. Nel lavoro e nella vita. Mi hai insegnato così tante cose in questi anni. E quell'entusiasmo, quello di cui ogni tanto parliamo, è ancora vivo come il primo giorno. Ed è soprattutto grazie a te.
Auguri a te, che mi segui sempre in quello che dico. Sento la tua stima e in un mondo di invidiosi, è già un bel traguardo.
Auguri a te. Vedo sempre meno entusiasmo nel tuo lavoro e capisco che te la stanno facendo passare giorno dopo giorno. Ma siamo più amici, ci capiamo al volo. Ed è questo che conta.
Auguri a te. Sei completamente pazza, sei il mio contrario nel lavoro e quindi ho molto da imparare, anche da te.
Auguri a te, un mondo inesplorato che non so se vorrei conoscere meglio. Ma rimani lì, ti seguo, ti sento in qualche modo vicino.
Auguri a te che a tuo modo combatti i pregiudizi di chi guarda solo alle tue gambe e non a tutto il resto. Il coraggio che hai mostrato quel giorno nel mostrare a tutti la tua "diversità" non lo dimenticherò.
Auguri a te, che ti ricordi sempre di valorizzare i miei successi lavorativi. Non è scontato, lo fanno in pochi oggi. Grazie.
Auguri a te, prenditi cura di quell'uomo speciale e non farlo arrabbiare troppo. Te lo dico per il secondo anno di seguito. Ascoltalo, metti da parte il tuo orgoglio. Amalo come merita.
Auguri a te, amica mia. Quel pranzo è la mia promessa che nel 2014 non ti abbandonerò, come ho fatto con tutti, sbagliando, morendo un po'.
Auguri all'unica parente che mi segue su Facebook (a cui permetto di seguirmi). Forse non lo sai, ma quella tua passione per lo studio, i miei primi contatti con il computer, li devo solo a te.
Auguri a te, che hai un amore per il tuo lavoro, una gioia nel fare quello che fai. Quando sono un po' giù di morale, faccio capolino alla tua postazione e mi fai stare bene. Grazie per tutto.
Auguri a te, amico che vedo poco ma per cui nutro una stima senza limiti. E quanto sento parlare del tuo lavoro, umile, mi fa sperare che in Italia tutti cerchino un lavoro e non il lavoro ideale (che non esiste).
Auguri a te, perché il giorno del mio compleanno hai fatto da "ponte" tra la vita del mio presente e quella del mio passato. Quel giorno in cui "coraggiosamente" come hai detto tu, li ho uniti.
Auguri a te che quel giorno a Lucca mi ha mostrato che sui social network non ci si sta per farsi belli, ma per conoscere le persone. E quando sono così belle, non vedi l'ora di rivederle.
Auguri a voi, che state costruendo una famiglia splendida e vi guardo con ammirazione e anche con un po' di sana invidia. Complimenti, guardo da lontano ma state facendo un ottimo lavoro.
Auguri a te, che stai nel sottile confine tra lo snobismo e la vanità. Giustificare tutto con il carattere non basta. Hai bisogno di prendere contatto con le persone che ti circondano, non sono sempre e solo comparse nella tua vita.
Auguri a te, che sì che ti vuoi fare i fatti miei, ma parli sempre con me con estrema sincerità. Pochi lo fanno. Grazie.
Auguri a voi due, che avete vissuto negli ultimi mesi il dolore più grande per una persona, la perdita della mamma. Quel dolore, in una parte microscopica, mi terrorizza.
Auguri a te perché in questo mondo di cani sciolti, sai essere una persona gentile, con me. Grazie.
Auguri a te che mi hai dato la possibilità di parlare della mia passione, non solo di scriverne. Spero di esserti stato di aiuto.
Auguri a te, anche se ogni anno ti vedo sempre più lontana. Ma ogni volta che ci sentiamo il mio cuore batte fortissimo. Ti voglio bene.
Auguri a te. Hai perso ogni possibilità di trovarti simpatico. Sei un concentrato di luoghi comuni. Peccato perché ti ho sempre trovato estremamente intelligente. Peccato davvero.
Auguri a te che hai reso felice una persona che io ho conosciuto malinconica e spesso triste. Grazie.
Auguri a te che ti ho disturbato quando volevi dormire perché alzavo la voce o perché quando mi muovo sono una specie di bisonte. Spero continuerai a sopportarmi ancora per un po'.
Auguri a te, anche se negli ultimi mesi ti vedo fredda nei miei confronti. Spero di non aver fatto qualcosa di male nei tuoi. Ti prego di dirmelo, la cosa inizia a essere piuttosto evidente.
Auguri a te che stai insieme con una delle mie migliore amiche e hai capito quanto io sia importante per lei.
Auguri a te, quell'incontro di qualche giorno fa è stato bellissimo. Grazie ancora per avermi aiutato, forse senza troppa consapevolezza, ad uscire da una delle situazioni più brutte della mia vita.
Auguri a te che sei il mio faro, il mio punto di riferimento assoluto. La tenerezza in un mondo spigoloso. Una certezza uno per l'altro.
Auguri a te che non lavoriamo più assieme e meno male. Ma anche da te ho imparato qualcosa, sono fatto così, assimilo tutto.
Auguri a te, collega che non metti cuore nel tuo lavoro. Scrivere, non basta.
Auguri a te, una ragazza che se mai dovessi far partire un mio progetto personale di lavoro, vorrei al mio fianco. Noi che amiamo sederci in decima fila.
Auguri a te. Vali meno di niente e meriti molto meno di quello che hai. Spero vivamente che ti si ritorca contro il tuo atteggiamento insostenibile.
Auguri a te, nuova conoscenza ancora da scoprire e che ne sa a "pacchi". Vorrei avere il tuo tempo per tornare a guardare così tanta tv come fai tu.
Auguri a te. Smettila di soffrire e far soffrire. Rifatti una vita e fallo ora.
Auguri a te, sei passato di moda come un abito vecchio. Cerca di capirlo al più presto perché sei sempre più ridicolo.
Auguri a te e grazie per la mano che mi dai a mettere un po' di ordine nei miei disordini. Nel 2014 sarai fondamentale.
Auguri a te, collega che mi sgridi e mi proteggi, grazie.
Auguri a te, le tue parole prima di Natale sono stati il ringaziamento più grande per mio lavoro. Ho grande stima per te e estremo rispetto. Sincero.
Auguri a te che hai dato visibilità al mio nome e che mi ha fatto capire, indirettamente, l'importanza che ha quando scrivi e parli a molte persone.
Auguri a te che mi hai dato la possibilità di capire cosa vuol dire essere un fratello maggiore. Perdonami perché faccio un decimo di quello che meriteresti nella vita. Non ti ho abbandonato, non lo farò mai.