lunedì 1 ottobre 2012

I giochi fondamentali per chi ha un iPhone



Diciamoci la verità: il telefonino lo uso tantissimo, ma se c'è una cosa che uso pure più dei social network sono i videogiochi. Ce ne sono alcuni ai quali, se siete nuovi possessori di smartphone (posto che molti di questi giochi si trovano anche su Google Play, quindi pari e patta) ecco cosa dovete assolutamente avere.

Ma sono pronto anche a sentire i vostri consigli, mi pare ovvio. Questi sono ai fatti i più sdoganati, anche i più conosciuti. Sono certo che ne abbiate molti, immancabili, e io li voglio sapere.
  • Simpson Springfield - È il gestionale per iPhone più longevo tra le mie mani (e tra le mie mani i gestionali durano il tempo di dare un'occhiata e buttarlo = 3 minuti). È divertente, curato, gratificante. Ti spinge a comprare a pagamento ciambelle che velocizzano il gioco e danno l'acquisto di oggetti speciali bellissimi. Ma il gioco è free, quindi non ci lamentiamo.
  • Subway Surfers - È l'alternativa colorata e divertente (e meno antipatica) di Temple Run. Il gioco è tutto in linea dritta, quindi è meno da giramento di testa con le curve ed è ispirato (nell'ambientazione) alla cultura street. Quindi è assolutamente perfetto!
  • Piante contro zombie - Avevo fatto l'errore di non comprarlo immediatamente. L'avevano citato poi a Modern Family e l'ho scaricato. È semplicemente fantastico, ormai lo conoscono quasi tutti: hai un giardino infestato dagli zombie, così pianti vegetali che combattono per te. Strategico, divertentissimo, finemente tradotto e adattato (cosa rara nelle app di giochi). È davvero geniale. L'ho finito.
  • Cut The Rope - È il rompicapo più divertente che abbia mai visto su questo schermo. Devi far arrivare un dolcetto in bocca a una rana. Come? Tagliando le funi a cui sono appesi: a volte le corde sono elastiche, a volte in movimento. Strutturato come Angry Birds, crea dipendenza (ed è spesso aggiornato con nuovi livelli). Bellissimo.
  • Tiny Wings - Ammetto di averlo lasciato dopo non moltissime settimane. Il motivo è che è difficilissimo. Sei un uccellino che non sa volare, per questo motivo deve approfittare delle ondulazioni delle colline per prendere la rincorsa e spiccare il volo. La bellezza di questo gioco, di per se semplicissimo, sta nel giornaliero aggiornamento dei colori delle colline, che con le loro tinte pastello lo rendono sempre speciale. Ottima per rilassarsi.
  • Triple Town - Se volete un gioco che vi faccia venire il nervoso invece, ecco quello che fa al caso vostro. Onestamente mi ci sono avvicinato dopo aver visto il logo con un orsetto (<3) poi ho scoperto che è una sorta di puzzle, ma visivamente "gestionale", dove parti da ciuffi d'erba per costruire grandi castelli. È complicato arrivare lontano, anche se non sembra, ci va molta strategia oltre a un po' di fortuna.
Non è un caso, se in questa sede ho saltato i famosissimi Ninja Fruits e Angry Birds. Un po' li dò per assodati, un po' penso che siano stati per troppo a lungo sopravvalutati. Ne riparleremo, soprattutto del secondo caso, che ormai è un cult con sfumature cliniche interessanti.